Qualche giorno fa sono stato invitato dalla Camera di Commercio Italo-Cinese, a fare un intervento sul digitale durante un evento organizzato da alcuni imprenditori cinesi.

L’incontro era rivolto alle imprese e agli imprenditori italiani e cinesi in Italia, con obiettivo di esplorare le potenziali collaborazioni per l’internazionalizzazione verso la Cina, con particolare riferimento all’area di Tonglu, un città di nuova concezione, sicuramente all’avanguardia rispetto agli standard cinesi, dove già si sono insediate grandi realtà produttive internazionali del manifatturiero e dell’energia.

In sala il 90% era di origine asiatica. Tutti molto attenti.

Tra questi anche le nuove generazioni. Qui, a Milano. Imprenditori cinesi che non investono più in ristoranti e bar ma direttamente nell’industria. E, timidamente, stanno anche cercando di coinvolgere “noi” italiani. Ma non trovano terreno fertile. Non ci si capisce. E allora fanno tutto per i fatti propri. E questo avviene anche online. Non trovano partner italiani disposti a investire? Va bene, si organizzano e lo fanno loro. E poi… ci tagliano fuori.

Quindi, occhio, perchè se qua non cominciamo a trovare delle sinergie… la vedo dura.

Ah, se vuoi sapere che cosa è stato detto, sono sicuro che sarai in grado di farti un’idea leggendo qui. 🙂