prezzo felicePrezzo Felice e al prezzo non ci pensi più!
Questo era il claim della rivale italiana di Groupon, messa in piedi da Raffaele Giovine (che, per altro, stimo).

E’ in liquidazione.
Prezzo Felice ha chiuso i battenti.
C’è un po’ di rumore sia (giustamente) perchè là fuori ci sono ancora un sacco di clienti che aspettano quanto ordinato, sia perchè in società c’erano i tre figli di Berlusconi (Barbara, Eleonora e Luigi). Di quello che fanno i figli di Berlusconi sinceramente non mi interessa, sono liberi di investire e fare gli errori che vogliono.

Mi interessa di più provare a leggere tra le righe.

Giovine è esperto nel modello che chiamerei “Copycat”: trova un modello di business che funziona e lo copia. In tutto. Per poi? Per poi cercare la quotazione in borsa e/o l’acquisizione.

Ma qualcosa è andato storto: “Risulta evidente”, si legge in uno dei documenti consultati da MF-Milano Finanza, “che la società ha operato nel periodo settembre 2013-maggio 2014 quasi sempre con margini netti sulle vendite inferiori al 5%, di fatto annullando il primo margine e causando perdite gestionali occulte cumulate e stimate nell’intorno dei 2 milioni, con un peggioramento di 1,4 milioni rispetto alle stime, e portando a una chiusura previsione per il 2013 stimata in una perdita nell’intorno di 1,1 milioni rispetto alle rappresentazione di consuntivo di 400 mila euro”.

A spanne direi che hanno cercato di crescere il più possibile, fare utenti per essere più appeal. Magari mi sbaglio ma la vedo così. Purtroppo nel mondo della vendita online non ci sono buoni margini, lo sanno bene i nostri merchant. E Prezzo Felice, ultimamente, aveva concentrato la sua offerta sui telefoni cellulari. Quelli che proprio hanno i margini più bassi. Diciamo il 3%? Hai idea di quanti telefoni cellulari devi vendere per essere profittevole? Uno sproposito. Prezzo Felice ha fatto il passo più lungo della gamba. Forse avrebbe avuto bisogno di più capitale alle spalle. E invece no.

E quindi tutto se ne è andato a quel paese. Peccato. Mi piacerebbe vedere il business plan.

Un bel approfondimento su tutta la faccenda lo trovi qui.