annuncio di lavoro

Quello che vedi sopra è un annuncio di lavoro comparso su Kijiji.

Una società cerca un webmaster per realizzare e gestire un e-commerce.
Un webmaster che sia capace di indicizzare e gestire il sito.
E, ciliegina sulla torta, un webmaster che non chieda soldi, mi raccomando, ma solo provvigioni sul venduto. Astenersi perditempo.

Forse sbagliamo tutto. Parlo al plurale perchè, insieme a tanti miei colleghi, mi capita spesso di parlare di e-commerce durante convegni e workshop. Ci ho scritto anche un libro sopra. Eppure l’opera di “evangelizzazione” non sembra nemmeno cominciata. Si vede che nemmeno gli amici di The Vortex fanno abbastanza 🙂

Se l’azienda non ha soldi, non ha risorse da investire perchè il business non gira… non andrà meglio provandoci con l’e-ecommerce.

Fare e-commerce costa tempo e denaro. Tanto denaro. Soprattutto nei primi anni. Mi sbilancerò troppo, ma sono convinto che sia pressochè impossibile essere profittevoli nei primi 1-2 anni.

Eppure, ritornando all’annuncio di cui sopra, ci sono aziende che vogliono lanciare un progetto di e-commerce con una persona che faccia tutto da sola: che sia in grado, tecnicamente, di realizzare il sito, che ne gestistica l’assortimento, i sistemi di pagamento, che faccia le necessarie attività di web-marketing e che si occupi anche del customer care. Magari la stessa persona dovrà fare anche le foto di prodotto con il cellulare personale, perchè no.

No.

No.

No.

L’e-commerce non si fa così. In questo modo non si va da nessuna parte. Ci vogliono competenze specifiche. L’e-commerce è un settore ad alto tasso di competizione. Non ci si improvvisa. Non basta comperare un sito con un piattaforma già pronta per fare dei soldi online. Va fatto un business plan. Va calcolata la marginalità, ripetendo il mantra: “Turnover is Vanity, Margin is Sanity”. Va analizzato il settore e la concorrenza. Vanno pianificate le risorse. Ci vogliono competenze specifiche e differenziate. Tutte cose gli imprenditori dovrebbero sapere.
Già.
Eppure, rileggendo ancora una volta l’annuncio di cui sopra, mi vengono forti dubbi…