nstoreMassimo De Simone è Amministratore Unico e Legale Rappresentante di Nstore, un negozio di e-commerce che è online da più di 10 anni e ha maturato una grande esperienza. Ci facciamo quattro chiacchiere per capire come stia andando il settore e come stia evolvendo.

  • Buongiorno Massimo, di che cosa si occupa in Nstore?
    Strategie a breve, medio e lungo termine / Supervisione delle attività a livello macro
  • Da quanti anni esiste l’azienda?
    Dal 1999, online dal 2000
  • Quali figure professionali sono necessarie per  “mandare avanti” una azienda come la sua?
    Una buona società di sviluppo software esterna, una buona società di consulenza esterna, una server farm affidabile, una o più persone interne in grado di gestire senza problemi gli ordini, i pagamenti, le spedizioni
  • Nstore commercializza prodotti che provengono direttamente da Nokia Italia: questo è sufficiente per difendervi dalla concorrenza?
    Sì per il tipo di clientela che abbiamo. No per i clienti che guardano solo il prezzo.
    Ormai siamo riconosciuti come sito di vendita di Nokia Italia e non entriamo nella mischia dei siti generalisti che vendono di tutto, con provenienze varie.
  • Quali sono gli errori di gestione che ha commesso in passato e che ora non farebbe ragionevolmente più?
    Eviterei di affidarmi a società di cui non sono certo della loro professionalità.
  • Quali le barriere più grandi per chi opera nel settore dell’e-commerce?
    I costi di comunicazione/pubblicità, i rischi dei furti dei corrieri, i rischi delle frodi delle carte di credito che causano mancati pagamenti a fronte di merce comunque spedita.
  • Quindi riscontrate diversi tentativi di frode? Come fate a prevenire questa situazione?
    Sì, a periodi alterni. Abbiamo eliminato il pagamento con American Express perché non ci tutelava per niente, e abbiamo minacciato di fare altrettanto con PayPal per lo stesso motivo.
  • Nstore offre anche il ritiro sul territorio grazie a 10 punti di vendita fisici: quanto è sfruttata dagli utenti questa opportunità? Dovendo dare una percentuale sommaria, quanti utenti del sito preferiscono ritirare in negozio invece che ricevere il prodotto a casa tramite corriere?
    Circa il 7-8% sceglie il ritiro nel negozio fisico
  • Quanto investite in comunicazione e quali strumenti utilizzate?
    Siamo presenti con il nostro blog nokiashop.it che è da un lato uno strumento di informazione e comunicazione sul brand Nokia e dall’altro è un collettore di traffico “qualificato” per nstore.it.
  • Quanto siete “social”?
    Presenza sporadica
  • Se avesse la possibilità di legiferare in materia di e-commerce quali “regole del gioco”, se possiamo chiamarle così, cambierebbe?
    Chi prende le provvigioni sulle transazioni (carte di credito, paypal, ecc.) dovrebbe obbligatoriamente tenere a suo rischio le frodi e non farle ricadere sul merchant (oneri e onori)
  • Diversi player, anche in settori merceologici diversi dal suo, sentono molto la concorrenza di operatori esteri che sono entrati nel nostro Paese negli ultimi anni con politiche commerciali molto aggressive: che cosa ne pensa?
    Non è il nostro caso, ripeto, non è il prezzo il motivo di scelta dei nostri acquirenti. Anzi, abbiamo un progetto per diventare noi venditori anche all’estero (Europa)
  • Volendo fare un rapido focus sulla logistica: quanto è importante e quanto è complessa? La gestite internamente?
    Sì, la gestiamo internamente, è importante sicuramente e ci teniamo ad offrire un servizio di qualità. E’ complessa, ma con i volumi attuali, gestibile.
  • Se potesse scegliere di cambiare lavoro… che cosa le piacerebbe andare a fare?
    Pilota collaudatore.

Il sito: http://www.nstore.it/